Libri e materiale didattico per l'apprendimento
dell'italiano come lingua straniera
Scopri le nostre nuove offerte!
Carrello Il tuo carrello

Registrati | Area personale

INDIRIZZO
In.IT Buenos Aires
Av. Carlos Pellegrini 643
C1009ABM Buenos Aires, Capital Federal (Argentina)

baires@guerraedizioni.com

GALLERIA FOTOGRAFICA

NOVITÀ EDITORIALI

ULTIME NEWS INSERITE
»Laboratorio didattico "L'italiano con le canzoni"

16 e 17 10/2010

»Presentazione de Il senso narrante e Tempi di versi

21/10/2010

»Il piacere della lettura. Ciclo di letture graduate per studenti di italiano 08, 14 e 29 07/2010

»Laboratorio di cultura Italiana per ragazzi delle scuole medie 23 e 30 06/2010

»Il piacere della lettura. Ciclo di letture graduate per studenti di italiano 03, 09 e 24 06/2010

»Il piacere della lettura. Ciclo di letture graduate per studenti di italiano 12 e 18 04/2010

»Studiare e imparare l'italiano nel terzo millennio 25/04/2010

»Prosa e poesia dell'Italia contemporanea per lettori stranieri 23/04/2010

»La progettazione didattica dell'italiano tra Quadro Comune di Riferimento Europeo per le Lingue e le realtà educative fuori dall'Italia 13 e 14/02/2010

»Il piacere della lettura. Ciclo di letture graduate per studenti di italiano 01/12/2009

»Testi di cultura e civilt italiana a confronto 10/11/2009

»Il piacere della lettura. Ciclo di letture graduate per studenti di italiano 3 11 e 17/11/2009

»Il piacere della lettura. Ciclo di letture graduate per studenti di italiano in Barrio 06/10/2009

»Incontri - L'italiano al cinema 30/09/2009

»Ciclo di letture graduate per studenti di italiano in Barrio Norte 01/09/2009

»Presentazione del corso Ciao ragazzi! a Mendoza 03/07/2009

»Presentazione del corso Ciao ragazzi! a Crdoba 02/07/2009

»Imparare l'Italiano attraverso il cinema e i cortometraggi 25/06/2009

»Encuentros para las escuelas Junio/Julio 2009

»Guida all'uso del metodo Rete! Video 10/06/2009

»Presentazione del corso L'italiano con la pubblicit e L'italiano con i fumetti 26/03/2009

»Presentazione dei corsi Ciao ragazzi!, L'italiano con la pubblicit e L'italiano con i fumetti 20 e 21 03/2009

»Presentazione del corso Ciao ragazzi! 19/03/2009

»Presentazione del corso Italiano: pronti, via! 27/02/2009

»Dal Quadro Comune Europeo alla classe: aspetti teorici e pratici della didattica dell'italiano a bambini attraverso il corso Girotondo - L'italiano nel mondo e presentazione del volume Civiltpuntoit a cura del Prof. L. Pederzani 1/11/2008

»"Salon Ernesto de los Campos", Intendencia Municipal de Montevideo, Av.da 18 de Julio, 1360 - Montevideo, Uruguay 31/10/2008

»Dal Quadro Comune Europeo alla classe: aspetti teorici e pratici della didattica dell'italiano a bambini attraverso il corso Girotondo - L'italiano nel mondo a cura di L. Pederzani 30/10/2008

»Quaderni di cinema italiano per stranieri: Il Gattopardo di Luchino Visconti 24/10/2008

»La filosofia dei Punti In.IT nella formazione/informazione basata sui testi didattici a cura del prof. E. Lovato 11/10/2008

»Quaderni di cinema: Pane e tulipani di Silvio Soldini 26/9/2008

»Inaugurazione del Punto In.IT 23/9/2008

»Quaderni di cinema: Pinocchio di Roberto Benigni 29/8/2008

»Presentazione del nuovo Punto In.IT 6/8/2008

La progettazione didattica dell'italiano tra Quadro Comune di Riferimento Europeo per le Lingue e le realtà educative fuori dall'Italia

Sabato 13 e Domenica 14 Febbraio 2010 presso il Colegio Italiano "Antonio Raimondi", Lima

Sabato 13 febbraio 2010 dalle 15.00 alle 19.00
La progettazione didattica e il curricolo
a cura del Prof. Enrico Lovato, Centro di Formazione In.IT Buenos Aires


La pubblicazione del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue risponde a esigenze di standardizzazione e di uniformità dei vari livelli di conoscenza linguistica. Anche per lo studio dell'italiano si tratta di trovare un inserimento nel panorama internazionale dello studio delle lingue fuori dall'Italia, spostando la centralità dell'insegnamento dal docente, inteso come istituzione che offre un piano di azione predefinito, allo studente, inteso come utente o cliente di un prodotto che può scegliere in base alle sue necessità e aspettative. Nell'ottica del Quadro, il curricolo deve rispondere a tre principi fondamentali:
1) la promozione del plurilinguismo e della diversificazione linguistica;
2) questa diversificazione è possibile solo se si tiene conto del rapporto costi/efficacia, per evitare inutili ripetizioni, promuovendo economie di scala e favorendo transfer di abilità da una lingua all'altra;
3) le azioni didattiche correlate ai curricoli devono essere definite in base alla loro funzione nell'educazione linguistica generale: le conoscenze (sapere) e le abilità (saper fare) linguistiche, insieme con le capacità ad apprendere (saper apprendere) non giocano un solo ruolo specifico nelle singole lingue, ma ne hanno uno anche trasversale.
L'impianto curriculare quindi diventa un progetto in movimento in cui si valuta la capacità di insegnare ad apprendere del docente e la capacità di apprendere strategie che possano servire anche per altre situazioni in termini di long-life learning.


Domenica 14 febbraio 2010 dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00
L'integrazione dei curricoli: alcuni cenni sul CLIL e sulla Qualità.
a cura del Prof. Enrico Lovato


La creazione di un portfolio che serva come strumento di documentazione per le esperienze pregresse dell'alunno è sicuramente uno dei punti chiave del Quadro Comune Europeo. Ciononostante, risultano ancor più marcate all'interno nel Quadro l'interazione tra le esperienze scolastiche ed extrascolastiche e la capacità di stimolare l'integrazione dei curricoli tra la lingua straniera e le discipline specifiche. Un'esperienza in questo senso è la filosofia CLIL (Content and Language Integrated Learning) in cui la lingua straniera viene utilizzata come strumento nel processo di apprendimento del contenuto di una o più materie, mantenendo allo stesso livello d'importanza entrambe (lingua e contenuto). L'apprendimento delle lingue, come risulta fin qui, non si sviluppa più prevalentemente all'interno di percorsi formali, ma investe una miriade di situazioni quotidiane e si rispecchia nel concetto di web (rete) in cui le conoscenze possono essere recepite in qualsiasi momento e con qualsiasi metodo, rendendo lo studente protagonista attivo del processo di apprendimento e in alcuni casi attore co-gestore del processo. Un'organizzazione preposta all'insegnamento delle lingue deve pertanto rispecchiare termini di qualità e di integrazione dei servizi non solamente al suo interno, ma anche in una rete più ampia che permetta allo studente di poter scegliere secondo parametri di garanzia, coerenza e trasparenza.


Laboratori: Sulla base di alcuni piani di studio di alcune scuole cercheremo di capire come interpretare un modello coerente partendo dalle problematiche dei bisogni e dalle finalità linguistiche dei partecipanti.